Follia – Patrick McGrath (1996)

0
419

Follia è uno dei thriller psicologici più famosi, e non è difficile capirne il perché.

Siamo in Inghilterra nel 1959, all’interno di un manicomio criminale, dove la moglie di uno psichiatra, Stella, comincia una relazione di amore e passione con un paziente, Hedgar.

Apparentemente Hedgar è una persona normale, ma ben presto rivela il suo lato folle e instabile. Stella, soffocata dalla noia e dalla solitudine della vita con il marito all’interno dell’ospedale, trova in Hedgar una ventata di aria fresca riscoprendo sentimenti vivi e istintivi, che la colpiscono a tal punto da essere disposta a mettere a repentaglio la sua stabilità famigliare per buttarsi in queste relazione.

Il rapporto tra i due è scandito da passione, violenza, morbosità, gelosia… é vissuto ai limiti della ragionevolezza. Davanti alle tante manifestazioni di violenza e follia di Hedgar, Stella ne è quasi indifferente e così legata a questa persona malata da aver perso ogni razionalità.

La relazione con Hedgar rovina repentinamente la sua stabilità mentale, la sua vita e quella di tutta la sua famiglia. Eppure in lei non si scorge mai un briciolo di ragione e pentimento, ma solo di folle sentimento d’amore nei confronti di questa persona malata.

Tutta la storia viene narrata da uno psichiatra collega e amico del marito di Stella, che osserva con occhio clinico e obbiettivo ogni passaggio. Non giudica mai, limitandosi invece ad analizzare dal punto di vista clinico le dinamiche che intervengono tra Stella e Hedgar.

Questo tipo di narrazione, a parer mio, è il vero valore aggiunto del romanzo perché fa si che la storia venga raccontata in modo neutro, senza porre accenti superflui alla trama che ne avrebbero magari dato un aspetto più cinematografico. Inoltre è molto bello osservare la vicenda attraverso gli occhi di un narratore terzo che riesce a dare due dimensioni agli avvenimenti: una dimensione reale (ovvero quello che materialmente succede) ed una teorica (ovvero la lettura che lui in quanto psichiatra riesce a dare).

Il risultato di tutto questo è una prosa elegante e ricca, capace di tenere l’attenzione del lettore in modo arguto e senza ricorrere ad effetti speciali.

Un libro da avere nella propria libreria!

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here