Oceano Mare – Alessandro Baricco (1993)

0
932

“Il mare incanta, il mare uccide, commuove, spaventa, fa anche ridere, alle volte, sparisce, ogni tanto, si traveste da lago, oppure costruisce tempesta, divora navi, regala ricchezze, non da risposta, è saggio, è dolce, è potente, è imprevedibile.
Ma soprattutto il mare chiama.”

Un romanzo totalmente indefinibile che mette insieme personaggi improbabili, legati da un filo conduttore: l’Oceano Mare.

Ritrovatisi tutti per caso nella Locanda Almayer, altrettanto improbabile pensione affacciata sul mare e gestita da bambini con un che di magico, ognuno di loro affronta se stesso e i suoi problemi trovando fonte di ispirazioni dalle acque che bagnano le spiagge del luogo.

Abbiamo un pittore che dipinge tutto il giorno il mare, anche se in realtà l’autore ci rivela che i suoi dipinti sono tutti bianchi: dipinge il mare con acqua di mare.

Troviamo una bambina che ha paura di tutto, anche di se, che si trova in quel posto per ricevere come cura il mare stesso, uscendone rinata.

Ci sono amanti che scappano dall’amore, e uomini in cerca di vendetta per torti subiti in mare.

Insomma, un gruppo eterogeneo che regala attimi di ilarità ma anche spunti di riflessione diversi. Ognuno di loro vive una vita diversa, e per un motivo diverso di trova in una situazione di stallo. Assieme (ma anche ognuno per conto suo) riusciranno a sciogliere i loro nodi interiori. La cura comune: l’Oceano Mare.

In questo libro il mare rappresenta una figura misteriosa, imparziale, sovrana. Sempre protagonista sembra parlare e chiamare i personaggi, essere loro consigliere e giudice. L’autore a tratti gli attribuisce sembianze e proprietà che si potrebbero definire soprannaturali.

Ma più di tutto e sopra tutto: lo stile unico di Alessandro Baricco.

Gioca con le parole, con le frasi, con la punteggiatura. Va oltre qualsiasi regola grammaticale costruendo e disfando a suo piacere castelli di parole, con una maestria che ammutolisce.

Chapeau!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here