Zia Mame – Patrick Dennis (1955)

0
170

E’ passato qualche bel mese, ormai, da quando ho finito di leggere “Zia Mame”… Durante il lockdown, chiusi in casa con molto tempo da dedicare alla lettura, a molti è successo di non riuscire più a trovare la voglia di leggere. Me compresa. Ed è con questo mood che ho scelto dalla mia libreria, affidandomi totalmente alla copertina, un romanzo dal colore sbarazzino e incoraggiante… Zia Mame!

Che rivelazione! Nel pieno del blocco del lettore (nonché del blocco generale) era proprio quello che mi ci voleva. Mi ha sollevata dalla mia routine casalinga e noiosa per trasportarmi nel mondo colorato, caotico, bizzarro e sopra le righe di Mame.

Il libro racconta la storia di un bambino che, rimasto orfano, viene affidato alle cure dell’unica parente rimasta: Zia Mame. Una donna di mondo, che ama viaggiare ed organizzare feste, un vulcano di energia ed idee che coinvolge il nipote nelle sue mille peripezie.

Magari qualcuno potrebbe sostenere che il romanzo parla di rapporti famigliari, educazione, maturità e immaturità… ma secondo me non è così.

Non me ne vorrà l’autore se dico che cercare una sovrastruttura in “Zia Mame” è del tutto una forzatura: Patrick Dennis ha scritto un libro il cui unico tema è appunto questa zia. Ha inventato un personaggio magnifico, che quasi strizza l’occhio a Mary Poppins ed ha qualcosa di sovrannaturale e bizzarro. Ed è stato così bravo nel farlo che non serve cercare altro tra le pagine del libro, basta e avanza l’ingombrante personalità di Mame.

E’ per questo che vi consiglio di leggere questo libro, vi divertirete e troverete un po’ di spensieratezza. Non vi darà le risposte alle grandi domande della vita, ma una grande boccata di leggerezza… quella sì! E vi sembra poco?

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here